L’efficacia del Check up quantistico sugli animali: paura e ansia nei cani, aiutiamoli con la biorisonanza energetica a distanza

Anche i nostri amici a quattro zampe sono soggetti ai nostri stessi disturbi, e se la bioenergetica quantistica è perfetta per gli esseri umani non può che rivelarsi ottima per gli animali domestici, spesso vittime dei nostri stessi problemi fisici e disturbi emotivi.
Un problema psicologico o comportamentale di un cane o un gatto è spesso legato a uno squilibrio energetico.
In questi casi il riequilibrio energetico è in grado di aiutare il nostro animale a riattivare le proprie funzioni vitali, generando un processo di rilassamento e risanamento che in quasi la totalità dei casi si rivela benefico fin dal dal primo trattamento, dal momento che, essendo gli animali meno soggetti a resistenze mentali, rispondono più velocemente.

Testimonianza

Leggi la testimonianza completa

Premessa

Dopo molti anni di studi e approfondimenti su diversi casi e trattamenti sugli animali domestici ho acquisito una notevole esperienza che mi ha permesso ora di poter scrivere adeguatamente e compiutamente a proposito dei benefici del Check up sugli animali.

Presso il mio studio ho trattato con la biorisonanza quantistica del Check Up a DISTANZA diversi cani e gatti servendomi di un "testimone", come ad esempio un ciuffo di peli, consegnatomi da alcuni miei abituali clienti che, appurato il beneficio che su di loro esercitava il Check Up, mi chiedevano se si poteva eseguire anche sui loro animali domestici che presentavano disturbi e/o problemi anche importanti.

Ero conscia che i trattamenti di medicina energetica si potessero rivolgere anche agli animali, alle piante in genere, e che sicuramente avrebbero dato grandi benefici, ma ciò che non potevo aspettarmi era la velocità con la quale avrei visto i risultati, anche solo dopo un trattamento.
Questa è stata la sorpresa più grande: constatare la velocità del riscontro benefico che alcuni animali hanno ricevuto, soffrendo di stati ansiosi e di tensione, solo dopo un trattamento a distanza.

L'ultimo caso trattato è stato del tutto singolare, una situazione in cui nonostante la mia lunga esperienza professionale non mi ero ancora trovata e che "mi ha fatto scuola".
Si tratta di una cagnolina di un anno, un meraviglioso Pastore Scozzese a pelo lungo, che in presenza di persone estranee (all'inizio anche degli stessi padroncini) manifestava  tutto il suo terrore scappando, rifugiandosi, nascondendosi in modo che nessuno potesse avvicinarla. Persino i suoi proprietari hanno dovuto faticare per farsi accettare, situazione che persisteva con gli estranei, senza possibiltà di soluzione.
Una volta compreso e valutato il caso, ho deciso che il Check Up a DISTANZA per il trattamento di riequilibrio della cagnolina doveva essere eseguito quasi totalmente sui traumi e sulle memorie cellulari, perché si potesse avere una risposta benefica in tempi relativamente brevi. Per questo ho testato la Nutripuntura (l'agopuntura senza aghi) un regolatore energetico dei meridiani, e per Nicky ne rispondevano molto bene, proprio quelli delle surrenali, che nel suo caso corrispondono alla paura.
Come anticipato, la risposta fu quasi immediata, direi perfino istantanea, perché i primi riscontri, a detta della cliente che mi confermò l'accadimento, si ebbero già il giorno dopo il trattamento.
La circostanza è testimoniata anche dal fatto che i giorni seguenti Nicky doveva concorrere per una sfilata di bellezza cinofila facendosi guidare da uno sconosciuto.
Risultato? Salì sul podio dei migliori primi tre!

Quest' esperienza è stata la molla che mi ha fatto decidere di impegnarmi definitivamente, e non per sola passione, a iniziare un percorso anche a favore dei nostri amici a quattro zampe.

Ansia e paura 

L'ansia è una risposta emotiva, il termine è usato nelle situazioni in cui l'animale anticipa una conseguenza negativa. La paura è una risposta diretta nei confronti di una situazione, realmente presente, che l'animale percepisce come pericolosa.
La paura è una risposta adattativa presente in tutte le specie in quanto consente all'animale di evitare situazioni e attività che potrebbero essere pericolose aumentando la possibilità di sopravvivenza. Una paura improvvisa, eccessiva, profonda, viene chiamata fobia. L'intensità di una reazione fobica è superiore rispetto a quella della paura, in quanto i sintomi permangono anche dopo la scomparsa dello stimolo e molte volte la reazione fobica si può innescare in assenza dello stimolo scatenante e questo può comportare dei disturbi che vanno a interferire con il normale funzionamento dell'organismo del nostro animale.

La paura nel cane

Alcuni cuccioli presentano una predisposizione a impaurirsi o a mostrarsi timidi davanti a situazioni che non conoscono o che percepiscono come minacciose. Si tratta del normalissimo istinto naturale di sopravvivenza e non è dovuto a cause esterne. È una particolarità del carattere dell’animale.
A volte, però, il cane presenta un timore eccessivo. In quei casi ci troviamo di fronte a una fobia vera e propria, dovuta a una causa esterna, ed è un problema comportamentale di difficile soluzione. Per questo motivo, è molto importante evitare che la paura del nostro amico a quattro zampe si trasformi in fobia, in quanto il problema può diventare molto grave se non trattato per tempo.

Cosa spaventa il cane

Un cane può provare timore, moderato o eccessivo, davanti a diverse situazioni. Le principali cause delle sue paure spesso sono persone, altri cani, rumori forti ed improvvisi come petardi, temporali, spari, ma anche cose più "semplici" come il traffico o viaggiare in auto.
I segni comportamentali in uno stato di paura possono includere: timidezza, reazioni di evitamento, irrigidimento, fuga; altri segni evidenti sono: frequenti deglutizioni, salivazione, diarrea, vomito, ansimazione, tremori e vocalizzazioni, ma anche l' abbaiare ripetutamente.
Quando l'animale ha una paura sproporzionata cerca di scappare dalla situazione che lo spaventa, occorre perciò fare particolare attenzione, dato che l’animale rischia di perdersi o di rimanere coinvolto in un incidente.
Altri segnali da tenere in considerazione sono quando si appiattisce contro il muro, si fa la pipì o la cacca addosso, cerca un posto dove nascondersi, trema, le sue pupille si dilatano, porta le orecchie all’indietro e mette la coda tra le gambe. In alcune occasioni abbaia o ringhia all’oggetto o soggetto che gli provoca paura e può arrivare ad aggredire, soprattutto se gli viene impedito di fuggire dalla situazione che lo terrorizza.

Perché un cane ha paura delle persone

Può capitare che il cane abbia paura delle persone, capita sopratutto con gli uomini. Questo può essere causato da uno o più motivi, ma dipende in parte anche dal fatto che i maschi tendono ad avere un tono di voce più forte, sono più alti e hanno dei peli sul viso, caratteristiche queste che incutono solitamente più timore nell’animale.
La paura del cane si può poi dimostrare verso persone molto specifiche, come il terrore per il veterinario.

Un cane che ha paura delle persone tenderà ad agire, quando si trova in loro presenza, in modo diverso rispetto a un cane che ha una fobia.
Il cane pauroso cercherà di fuggire, di spostarsi, oppure di stare fermo immobile o di attaccare, mentre un cane fobico potrà avere una reazione incontrollata ed essere assalito da attacchi di panico.

Generalmente il principale motivo per cui il cane ha paura delle persone è dovuto alla scarsa socializzazione a cui è stato abituato.
Ci sono però anche altre cause per cui può scatenarsi questo timore nell’amico a quattro zampe, tra cui:

  • mancanza di un contatto costante con persone;
  • esperienze traumatiche legate alla presenza di persone;
  • cause genetiche, come nel caso in cui il cane sia figlio di genitori per natura timorosi;
  • utilizzo del castigo come metodo di educazione e insegnamento;
  • invecchiamento, ovvero spesso comparsa della sindrome da disfunzione cognitiva;
  • uso della violenza o di rimproveri per impartire comandi.

Che cosa può fare la biorisonanza energetica per i nostri cuccioli

Il Check Up quantistico a distanza viene eseguito con la medesima strumentazione Scio-GioiaBertha® che ci permette di scoprire oltre lo stato di salute generale dell'animale, anche il livello di ansia o paura, se sono presenti traumi, eventuali allergie, intolleranze e quant'altro necessario per avere un quadro generale della sua salute psico-fisica.

Successivamente, anche il riequilibrio energetico a distanza viene effettuato nello stesso modo in cui viene eseguito negli gli esseri umani, con l'ulteriore vantaggio che gli animali, non avendo il piano mentale strutturato come il nostro, reagiscono quasi immediatamente e rispondono in maniera molto propositiva.

Inoltre in alcuni casi, non per tutti gli animali, la mia esperienza sul campo mi ha portato ad affiancare al riequilibrio energetico la Nutripuntura. Le sequenze suggerite, che vanno a lavorare sulle correnti vitali del cane/gatto, variano a seconda del problema più importante, maggiormente urgente, che emerge durante il test. Il trattamento con la Nutripuntura prevede l'assunzione per via orale di piccole compresse da masticare che, nel caso l'animale sia molto piccolo, si possono inserire nel cibo per aiutarne l'assorbimento.

Il trattamento conseguente di riequilibrio energetico ed emozionale viene effettuato sugli squilibri che il test porta in evidenza. La biorisonanza agisce riequilibrando gli organi interessati, fa in modo di disperdere i sovraccarichi energetici, lavorare sui traumi e blocchi energetici, tranquillizzare e ridurre lo stato ansioso dell'animale.

Leggi qui la testimonianza del Pastore scozzese Nicky

Informazioni e contatti 

Per maggiori informazioni e/o per prenotare il tuo Check up quantistico contattaci via email oppure ai numeri: 049.8910706 (Segreteria) • Mobile: 335.6745856 (Luigina Bernardi).
Gli orari della segreteria sono: lunedì – venerdì ore 9:30 – 12:30, 14:30 – 19:00; sabato ore 9:00 – 17:00. Saremo lieti di aiutarti.
L’Operatore olistico in bioenergetica che esegue il check up, con una esperienza di quasi 20 anni in questo settore, è Luigina Bernardi ed è una professionista ad indirizzo energetico iscritta alla Siaf n° V1785P-OP disciplinata dalla legge 4/2013.

Bibliografia e altre fonti 
  • animalidacompagnia.it
  • tipresentoilcane.com
Approfondimenti sulle soluzioni consigliate nell'articolo

 

Nota bene:
La biorisonanza energetica quantistica non si sostituisce alla medicina convenzionale.

Le informazioni qui riportate sono solo a titolo informativo, non sono riferibili né a prescrizioni né a consigli medici.

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo sui social con i tuoi amici